Denti neri nei bambini: perché vengono e cosa fare

ll fenomeno dei denti da latte neri nei bambini è abbastanza diffuso ma non per questo deve essere sottovalutato. Scopriamo quali sono le cause e cosa fare quando succede.

Durante l’età pediatrica, si ha l’eruzione della prima dentatura, i cosiddetti denti da latte che saranno poi sostituiti dai denti definitivi. Può capitare, osservando la bocca dei nostri bambini, di notare macchie scure o puntini neri sui denti: non c’è niente di cui aver paura, si tratta di un fenomeno piuttosto comune, ma deve comunque essere valutato da un dentista ed è necessario prendere le giuste misure per porvi rimedio. Quali sono le cause del cambiamento di colorazione? Come intervenire per risolvere il problema? E come prevenirlo? In questo articolo scopriamo tutto quello che c’è da sapere sui denti neri nei bambini.

Le cause dei denti da latte neri

cause denti neri

Cominciamo col dire che i denti da latte sono molto più delicati di quelli permanenti e sono quindi più suscettibili di essere attaccati da batteri che danno poi luogo alle carie. Curare l’igiene orale dei bambini è dunque particolarmente importante mentre in molti tendono a sottovalutarla proprio perché si tratta di denti non definitivi; lavarsi i denti ogni giorno e programmare periodiche visite dal dentista a partire dai 3-4 anni è fondamentale.

Non tutte le macchie sono uguali e non tutte hanno la stessa causa, così come non hanno le stesse conseguenze. Ecco quali sono i motivi più frequenti che portano ai denti da latte neri:

  • Carie. Certamente la causa più frequente è proprio la carie, che nei bambini procede più rapidamente perché i denti da latte hanno una composizione meno resistente di quelli definitivi; un’alimentazione ricca di dolci e zuccheri favorisce la formazione di carie quindi non dimenticate di lavare i denti a vostro figlio con la giusta frequenza.
  • Traumi. Un dente da latte può annerirsi rapidamente anche come conseguenza di un trauma: se un colpo o una caduta provocano una frattura che colpisce il nervo, il dente può ritrovarsi devitalizzato e, dunque, cambiare colore. Questo problema riguarda solitamente gli incisivi dell’arcata superiore, i denti più esposti, e deve essere il dentista a valutare la gravità della lesione.
  • Macchie batteriche. Quando compaiono puntini di colore scuro sui denti, probabilmente la causa sono gli scarti dell’attività dei batteri, presenti nella placca, che si nutrono dei residui di cibo che trovano all’interno del cavo orale. Un’igiene orale non accurata e il consumo frequente di cibi scuri come tè e succhi di frutta possono favorire questa pigmentazione batterica.

Cosa fare in presenza di denti da latte neri

perché vengono denti neri

Visto che ci sono cause diverse ai denti da latte neri, ci sono anche rimedi differenti per ogni problema. Nel caso di carie infantile, il dentista procederà con un trattamento specifico in base all’avanzamento della carie: se il bambino sente dolore e la carie è già in stadio avanzato, probabilmente eseguirà un’otturazione e, nei casi più gravi, una devitalizzazione; si tende comunque ad evitare l’estrazione o a rimandarla il più possibile per permettere al dente definitivo sottostante di posizionarsi nel modo corretto. Se il problema deriva invece dalla pigmentazione batterica, sarà sufficiente una pulizia professionale dei denti, generalmente effettuata con strumenti ad ultrasuoni che permettono di rimuovere anche il tartaro sotto la gengiva.

In ogni caso, non appena notate uno scurimento di un dente di vostro figlio, è bene rivolgersi al dentista che potrà valutare la situazione e intervenire tempestivamente. La prevenzione, visite periodiche di controllo dal dentista e una corretta igiene orale quotidiana sono comunque il modo migliore per evitare il problema dei denti da latte neri.

Leave a Reply

Your email address will not be published.