Malocclusione dentale: le cause, i sintomi e i possibili rimedi

La malocclusione dentale è quella situazione in cui l’arcata superiore e l’arcata inferiore della bocca non si allineano nel modo corretto quando si chiude la bocca. Si tratta di una problematica alquanto diffusa e si presenta come un rapporto anomalo tra i denti della mandibola e i denti della mascella: in una condizione normale queste dovrebbero essere perfettamente in equilibrio per permettere una masticazione corretta e le normali funzioni fonetiche; la malocclusione dentale compromette questo equilibrio e, nei casi più gravi, può portare a difficoltà nel mangiare, parlare e chiudere la bocca.

Scopriamo quali sono le cause più comuni della malocclusione dentale, i sintomi frequenti e le possibili cure da prendere in considerazione.

Cause della malocclusione dentale

Due sono le cause più comuni alla base di questo fenomeno: si tratta spesso di un disturbo ereditario, le cui origini vanno ricercate nella genetica, oppure di una problematica che insorge come difetto di crescita della mandibola. Su questi due fattori scatenanti è impossibile intervenire, ma ci sono anche casi in cui la malocclusione dentale è il risultato di alcune abitudini scorrette o di alcune situazioni.

  • Il bruxismo, cioè la tendenza a digrignare i denti di notte, a lungo andare può compromettere la normocclusione dentale.
  • L’abitudine dei bambini di succhiare il pollice o quella di spingere la lingua contro i denti possono portare a deformare il palato e quindi a modificare la struttura cranica.
  • Otturazioni, impianti o altri interventi dentali mal riusciti possono provocare difetti nella masticazione e, dunque, malocclusione.
  • La perdita o la rottura di denti permanenti e la non sostituzione o una frattura mandibolare possono portare ad uno squilibrio e ad una alterazione dell’arcata dentale.

Sintomi della malocclusione dentale

Malocclusione dentale: le cause, i sintomi e i possibili rimedi
Credits: https://stocksnap.io/photo/8UWSPI773Q

La malocclusione dentale è una problematica che varia molto da una persona all’altra e i cui sintomi possono avere intensità molto diverse. Alcune situazioni come il morso inverso, carie frequenti e gengivite potrebbero portare il vostro dentista a sospettare una malocclusione dentale; un altro segnale è la tendenza a respirare con la bocca aperta e anche un mal di schiena apparentemente senza motivo può dipendere da questo disturbo. Inoltre, a livello estetico, nei casi più gravi, si nota una vera e propria asimmetria del viso.
Tra le conseguenze della malocclusione dentale si annoverano nevralgie o cefalee, vertigini, acufeni, ronzii alle orecchie, rinosinusite e perfino dolori cervicali: l’apparato masticatorio è infatti strettamente collegato alla postura.

Malocclusione dentale: rimedi e cure

Rimedi malocclusione
Credits: https://it.freepik.com/foto-gratuito/bella-giovane-donna-con-mal-di-testa-su-sfondo-bianco_1364116.htm#term=pain&page=2&position=2

Una volta che il vostro dentista avrà formulato la diagnosi di malocclusione dentale, valuterà la cura in base alla gravità del disturbo e alla causa che ha scatenato il problema. Generalmente sono sufficienti degli interventi di ortodonzia correttiva che prevedono l’utilizzo di apparecchi ortodontici fissi o mobili per un certo lasso di tempo; se invece si tratta di bruxismo, probabilmente avrete bisogno di un bite. Altre ipotesi terapeutiche sono l’estrazione dei denti, se sono presenti molari o denti del giudizio che spingono altri elementi, o l’intervento chirurgico nei casi più gravi.

Credits foto di anteprima: https://it.freepik.com/foto-gratuito/dentista-esaminando-denti-di-un-paziente_854969.htm#term=dentist&page=1&position=10

Leave a Reply

Your email address will not be published.