Denti che si muovono: è normale?

Una mobilità quasi impercettibile dei denti è normale, ma quando invece dobbiamo preoccuparci e rivolgerci a uno specialista? Ecco cause e rimedi ai denti che si muovono.

I denti che si muovono non rappresentano un problema se il loro movimento è quasi impercettibile: finché parliamo della leggerissima mobilità del legamento parodontale, non c’è motivo di preoccuparsi e possiamo considerare il fatto come normale. Si tratta infatti di un sistema quasi di “ammortizzazione” che aiuta a gestire la pressione durante la masticazione e ridurre al minimo il rischio di piccole fratture. Il discorso cambia totalmente se la mobilità dei denti è più forte e decisa: se il movimento è tangibile, è indispensabile rivolgersi a uno specialista perché si tratta di una chiara patologia a cui porre rimedio.

denti che si muovono è normale?

Quanto si muovono i denti?

Sarà ovviamente il vostro dentista a valutare la situazione ma, per farvi un’idea, potete prendere in considerazione l’indice di Miller, un sistema che quantifica i diversi gradi di mobilità dei denti.

  • Grado 0: mobilità fisiologica di 0,2mm.
  • Grado 1: mobilità vestibolo/linguale, in avanti e indietro, di 0,2/1 mm; si tratta di denti che si muovono leggermente.
  • Grado 2: mobilità vestibolo/linguale tra 1 mm e 2 mm; denti mobili.
  • Grado 3: mobilità vestibolo/linguale e mesio/distale oltre 2 mm e mobilità anche in senso verticale; denti molto mobili.

Ovviamente, a seconda della gravità di ogni situazione, sono previsti interventi e soluzioni diverse. In presenza di grado 1, ad esempio, sarà sufficiente sottoporsi a una pulizia professionale dei denti e prendersi cura quotidianamente dell’igiene orale. In presenza di grado 2 o 3, invece, lo specialista potrà valutare ulteriori terapie a supporto, fino a piccoli interventi chirurgici, e monitorare nel tempo la stabilità dei denti coinvolti.

Denti che si muovono: le cause

perché i denti si muovono

Alla base dei denti che si muovono ci possono essere diverse cause.

  • Parodontite, o piorrea: l’infezione del parodonto provoca il progressivo disfacimento dei tessuti di sostegno ai denti e la formazione delle cosiddette sacche parodontali, determinando la mobilità dei denti. In questo caso è importante intervenire rapidamente con una pulizia profonda che rimuova completamente la placca, all’origine dell’azione dei batteri che attaccano il parodonto.
  • Malocclusione: in questo caso si tratterebbe di un danno meccanico al parodonto causato da un carico masticatorio mal distribuito. Sarà l’ortodontista a intervenire in questo caso.
  • Traumi: se dopo una caduta o un trauma, ci si ritrova con un dente che dondola, probabilmente c’è una lesione dei tessuti duri (smalto, dentina, radice) o del tessuto di sostegno del dente (parodonto).
  • Ascesso dentale: questo tipo di infezione acuta si sviluppa come conseguenza di una carie profonda e non curata e può interessare l’osso alveolare, il parodonto e la gengiva. La prima cosa da fare in caso di ascesso è procedere con una terapia antibiotica.
  • Apparecchi ortodontici: se si è sottoposto a cure ortodontiche con apparecchi dentali, la mobilità di alcuni denti è normale perché questi vengono sottoposti a una trazione forzata. In questo caso non c’è da allarmarsi perché il fenomeno avrà termine con la fine della terapia, senza alcuna conseguenza.

Se notate che i vostri denti si muovono in modo eccessivo, è importante dunque rivolgersi tempestivamente al proprio dentista di fiducia in modo da individuare la causa e, con essa, la soluzione al problema.

Leave a Reply

Your email address will not be published.